Cura delle piante

Outdoor/Orto/Frutteto


Melo

Malus spp.

SetWidth130-melo
LUCE

Predilige climi freschi, ragion per cui la maggior concentrazione di frutteti si trova lungo tutto l'arco alpino.

TERRENO

Predilige terreni non eccessivamente umidi o argillosi.

CURE

Il melo teme la siccità, i ristagni d'acqua, l'eccesso di calcare ed è sensibile a temperature inferiori ai 20°C. Durante i periodi siccitosi, soprattutto dopo la fioritura, necessita di frequenti ma moderate irrigazioni, che vanno sospese un mese prima della raccolta.

CURIOSITA'

Pianta dalle origini antichissime proveniente dalle regioni transcaucasiche, la cui coltivazione si pensa risalga all'età paleolitica. La sottospecie più conosciuta, da cui sono derivate la maggior parte delle varietà oggi presenti sul mercato, è Malus communis pumila. Il frutto è ricco di zuccheri semplici, vitamine e tannini, concentrati prevalentemente nella polpa e presenti in quantità trascurabile nella buccia.

PRODOTTI NUTRIZIONE
RICERCA PUNTI VENDITA »
pnk blu x212701 90
NPK Blu

È un concime granulare ideale per nutrire in modo ottimale...

Leggi tutto »

X211501 OrtoGranulare 5kgNEW
Orto

Concime granulare ideale per tutte le colture orticole

Leggi tutto »

PROTEZIONE
RICERCA PUNTI VENDITA »
SetWidth80-afidi

Afidi

Insetti ad apparato boccale pungente-succhiatore, di cui si servono per perforare la superficie di foglie, piccoli rami e germogli e per estrarre la linfa dalle piante. La sottrazione della linfa indebolisce la pianta e sulla melata prodotta si sviluppano fumaggini.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-cicaline

Cicaline

Insetti ad apparato boccale pungente-succhiatore, di cui si servono per perforare la superficie delle foglie e per sottrarre la linfa, provocando ingiallimenti, disseccamenti e a volte anche accartocciamenti delle giovani foglie. Colonizzano in particolar modo le pagine inferiori delle foglie.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-cocciniglia

Cocciniglie

Insetti ad apparato boccale pungente-succhiatore, di cui si servono per perforare la lamina fogliare o i fusti giovani della pianta ed estrarre la linfa ricca di zuccheri.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-lepidotteri

Lepidotteri

I lepidotteri sono insetti che creano danni alla pianta soprattutto negli stadi giovanili di sviluppo. Le larve si nutrono di foglie, di fusti e di germogli riducendo quindi la capacità della pianta di effettuare la fotosintesi clorofilliana.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-malbianco

Oidio

Colpisce dapprima le foglie e successivamente i fusti e i getti fiorali. Si manifesta con la formazione di un feltro biancastro. I tessuti vegetali colpiti subiscono dapprima una depigmentazione, seguita da necrosi.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-psilla

Psilla

La psilla è uno dei principali insetti fitofagi del pero. I danni causati da questo piccolo insetto (adulti lunghi circa 2,5-3 mm di colore ocra) sono dovuti alle punture delle forme adulte che provocano deformazioni ed arresti vegetativi, e dalle forme giovanili dell’insetto che producono abbondante melata sulla quale poi si sviluppano patologie fungine (tipicamente fumaggini).

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-ticchiolatura

Ticchiolatura

Colpisce dapprima le foglie, estendendosi successivamente ai rami più giovani ed esili e ai fiori . Si manifesta con la formazione di macchie brunastre; le aree limitrofe alle zone colpite tendono a scolorare al giallo. L'effetto è una riduzione consistente dell'attività fotosintetica della pianta.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-tripidi

Tripidi

Danneggiano i fiori e i frutticini provocando defogliazioni e lesioni superficiali.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »