Cura delle piante

Indoor/Appartamento, terrazzo, balcone


Gerani

Pelargonium spp.

gerani
LUCE

Luce intensa, per qualche ora al giorno anche sole diretto.

TERRENO

Substrato per piante da fiore ricco di torba. 

CURE COLTURALI - IRRIGAZIONE

Irrigazioni quotidiane durante il periodo estivo, ogni 2 giorni durante il rimanente periodo vegetativo. Ogni 15-20 giorni in inverno. Evitare di bagnare le foglie e di lasciare per molto tempo l'acqua nei sottovasi.Concimare ogni 2 settimane durante l'estate. Eliminare i fiori secchi. Rinvasare in primavera ogni 2 anni.In inverno i Gerani vanno ritirati al coperto prima che le temperature notturne scendano al di sotto dei 5°C. Questo limite di temperatura deve essere osservato anche per il periodo di ricovero, che deve avvenire in un luogo luminoso, ponendo le piante sollevate da terra. Una spruzzata con un fungicida ha lo scopo di prevenire attacchi fungini. In primavera, quando è scongiurato il pericolo di gelate notturne, i Gerani possono essere riportati all'esterno, eliminando tutte le parti secche, accorciando i rami di 1/3 della loro lunghezza e rimuovendo la parte superficiale del terriccio, oppure eseguendo il rinvaso.Nel mese di agosto i Gerani possono essere moltiplicati per talea. La tecnica è molto semplice: tagliare dei rametti provvisti di 3 foglie completamente formate;eliminare la foglia più in basso;lasciare asciugare le talee in un luogo fresco e all'ombra per 12-24 ore;piantare le talee in vasetti riempiti di terriccio e sabbia mescolati in parti uguali;trattare possibilmente la parte inferiore delle talee con un radicante;coprire per qualche giorno i vasetti con sacchetti di plastica trasparente e sistemarli all'ombra, mantenendo umido il substrato.

CURIOSITA'

GERANIO ZONALE: è' il Geranio tradizionale, a portamento eretto e foglie arrotondate, provviste delle caratteristiche macchie scure. I fiori sono grandi di colore bianco, rosa, salmone, rosso o porpora, semplici o doppi.GERANIO MACRANTHA: è' chiamato anche Geranio Imperiale. È provvisto di fiori molto grandi e foglie con margini frastagliati e coperte da una fine peluria. Esiste in una grande varietà di colori.GERANIO EDERA: è dotato di foglie carnose, simili a quelle dell'Edera. Ha portamento ricadente con steli lunghi fino a 90 cm. I fiori, grandi singoli o doppi, formano un cuscino compatto. Esistono anche varietà bicolore, con petali bordati.GERANIO PARIGINO: ha lunghi rami ricadenti che formano una ricca cascata di fiori semplici. Le foglie sono lucide, di forma simile a quelle dell'Edera.GERANIO ODOROSO: ha foglie dalla forma spesso insolita, assai decorative, in grado di emettere profumi molto intensi. I fiori sono piccoli e poco appariscenti. È una varietà utilizzata per allontanare le zanzare.IL VERO GERANIO: è una pianta erbacea perenne, che raggiunge un'altezza di 15-20 cm. Comprende circa 150 specie diffuse in tutto il mondo. Nella foto: Geranium cinereum, una specie alpina originaria dei Balcani.

PRODOTTI NUTRIZIONE
RICERCA PUNTI VENDITA »
X200511 ConcimeGERANI 1000mlNEW
Gerani Plus

Fito Gerani Plus è un prodotto ideale per tutte le varietà di Gerani.

Leggi tutto »

PROTEZIONE
RICERCA PUNTI VENDITA »
SetWidth80-afidi

Afidi

Insetti ad apparato boccale pungente-succhiatore, di cui si servono per perforare la superficie di foglie, piccoli rami e germogli e per estrarre la linfa dalle piante. La sottrazione della linfa indebolisce la pianta e sulla melata prodotta si sviluppano fumaggini.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-alerodidi

Aleurodidi (Mosca bianca)

Insetti ad apparato boccale pungente-succhiatore, di cui si servono per perforare la superficie delle foglie e per sottrarre la linfa, provocando ingiallimenti e indebolendo la pianta. Si annidano solitamente sulla pagina inferiore della foglia.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-lepidotteri

Lepidotteri

I lepidotteri sono insetti che creano danni alla pianta soprattutto negli stadi giovanili di sviluppo. Le larve si nutrono di foglie, di fusti e di germogli riducendo quindi la capacità della pianta di effettuare la fotosintesi clorofilliana.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-malbianco

Oidio

Colpisce dapprima le foglie e successivamente i fusti e i getti fiorali. Si manifesta con la formazione di un feltro biancastro. I tessuti vegetali colpiti subiscono dapprima una depigmentazione, seguita da necrosi.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »

SetWidth80-ruggine

Ruggine

Si manifesta con la comparsa di bolle color ruggine sulle foglie e talvolta anche sugli steli, che successivamente disseccano.

Prodotti correlati

Scopri la soluzione »